Crea sito

SPRITE GIGANTE SULLA CINA

 

UN GETTO GIGANTE SULLA CINA

Non si sa mai cosa si potrebbe vedere sulla scia di una grande tempesta. Il 25 agosto l’astrofotografo cinese Chao Shen della città di Shaoxing è andato fuori a fotografare la Via Lattea. Un tifone chiamato “Cervo bianco” era passato attraverso il giorno prima e le nuvole temporalesche si stavano aprendo. “Ho visto le stelle – ma non è tutto”, dice Shen. “Un Gigantic Jet balzò in piedi proprio davanti ai miei occhi!

“Pensa a loro come sprite di steroidi: i Gigantic Jets sono scariche fulminanti che spuntano dalle cime dei temporali, arrivando fino al limite dello spazio. Sono enormi e potenti.

“Shen ha sicuramente catturato un jet gigantesco”, conferma Oscar van der Velde del Lightning Research Group presso l’Universitat Politècnica de Catalunya. “Sembra che abbia raggiunto i 90 km di altezza dal suolo.”
“I giganteschi jet sono molto più rari degli sprite”, afferma van der Velde. “Mentre gli sprite sono stati scoperti nel 1989 e da allora sono stati fotografati da migliaia, non è stato fino al 2001-2002 che i Gigantic Jets sono stati registrati per la prima volta da Portorico e Taiwan.” Solo dozzine di giganteschi jet sono mai stati fotografati.

Shen afferma che “il Jet è venuto da una tempesta a circa 100 km a sud-ovest da me. Era così grande che sono riuscito a vederlo chiaramente nonostante la distanza.”

 

Sopra: la freccia in questa mappa meteorologica punta dalla telecamera di Chao Shen verso la tempesta che produce jet.

Gli osservatori degli sprite potrebbero chiedersi se Shen abbia davvero visto questo jet. La risposta è si.” A differenza degli sprite, che tremolano così rapidamente che sono difficili da vedere ad occhio nudo. I giganteschi getti possono durare per centinaia di millisecondi, abbastanza a lungo per consentire agli occhi umani di registrare il loro bagliore viola.

I giganteschi getti fanno parte di un crescente serraglio di forme strane che appaiono sopra intensi temporali, tra cui sprite, elfi, troll e getti blu. Alcuni ricercatori ritengono che i raggi cosmici aiutino a innescare questi “eventi luminosi transitori” ionizzando l’aria dentro e intorno alle teste temporalesche. Se è così, ora è un buon momento per cercare giganteschi getti, perché i raggi cosmici si stanno avvicinando a un massimo dell’era spaziale. Grazie, minimo solare!

http://www.spaceweather.com/

Tradotto con Google

3,334 Visite totali, 2 visite odierne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.