Crea sito

SICUREZZA PERSONALE ADDIO

 

La tecnologia di lettura della mente è il prossimo grande incubo per la sicurezza personale

La tecnologia della lettura della mente sta per diventare mainstream. I tuoi pensieri sono a rischio?

La tecnologia che consente ai nostri pensieri e sentimenti di essere tradotti in una forma digitale – e condivisa – è già una realtà. Le interfacce cerebrali del computer (BCI) ci consentono di collegare le nostre menti ai computer per alcuni scopi limitati, e le grandi aziende tecnologiche come Facebook e molte startup vogliono rendere questa tecnologia un luogo comune.

Per quelli di voi terrorizzati dalla prospettiva della tecnologia di registrazione – e diffusione – le vostre opinioni sul capo, le vostre paure segrete o qualsiasi altra cosa – si rilassino. Almeno per ora.

BCI non sono attualmente abbastanza sofisticati per raccogliere tali informazioni granulari. I dati che possono raccogliere sono più basati sulla misurazione dei movimenti fisici che le persone vogliono fare o sul loro stato emotivo. Tuttavia, man mano che gli algoritmi di apprendimento automatico diventano più sofisticati e l’hardware BCI diventa più capace, potrebbe essere possibile leggere i pensieri con maggiore precisione.

Esistono attualmente due approcci per collegare il cervello umano a sistemi informatici esterni, invasivo e non invasivo.

sistemi non invasivi leggono i segnali neurali attraverso il cuoio capelluto, in genere utilizzando l’EEG, le stesse tecnologie utilizzate dai neurologi per interpretare gli impulsi elettrici del cervello al fine di diagnosticare l’epilessia. I sistemi non invasivi possono anche trasmettere informazioni nel cervello con tecniche come la stimolazione magnetica transcranica, ancora una volta in uso dai medici.

I sistemi invasivi, nel frattempo, coinvolgono il contatto diretto tra il cervello e gli elettrodi e vengono utilizzati sperimentalmente per aiutare le persone che hanno sperimentato la paralisi a operare protesi, come gli arti robotici, o per aiutare le persone con problemi di udito o vista a recuperare qualche elemento del senso che hanno perso.

Chiaramente, ci sono pericoli più immediati per i sistemi invasivi: la chirurgia comporta sempre dei rischi, in particolare per quanto riguarda i tessuti delicati del cervello. Quindi, visti i rischi connessi, perché scegliere un sistema invasivo rispetto a un sistema non invasivo – perché inserire l’elettronica nella stessa materia grigia? Come sempre, c’è un compromesso. I sistemi invasivi eliminano il disordine e semplificano la decodifica di ciò che accade nel cervello.

I sistemi non invasivi usano elementi simili all’ELETTROENCEFALOGRAMMA per leggere l’attività cerebrale, che ha bisogno di milioni di neuroni che agiscono in sincronia tra loro per dare un’idea utilizzabile di ciò che sta accadendo nel cervello creando un campo elettrico abbastanza grande che può essere rilevato al di fuori del superficie del cuoio capelluto. Ma è una misura molto grezza.

È l’equivalente di stare fuori da uno stadio di calcio e cercare di capire cosa sta succedendo nel gioco ascoltando gli applausi. Puoi avere una foto di alcuni dei grandi eventi, ma è difficile ottenere informazioni dettagliate, ” afferma Ian Daly, docente presso la School of Computer Science and Electronic Engineering della University of Essex.

sistemi invasivi, tuttavia, sono in contatto diretto con i neuroni – quindi anche se possono raccogliere solo un segnale da un centinaio di neuroni, quel segnale è abbastanza chiaro da dare un’idea del processo di pensiero che lo attraversa.

Prendi Ian Burkhart, un uomo con paraplegia che ha riacquistato una certa funzione delle armi usando la neurochirurgia e un software della società canadese BCI Battelle, così come un vettore in Utah impiantato nel suo cervello. Tipicamente, il pensiero necessario per muovere un braccio è il lavoro di migliaia di neuroni; Burkhart può muovere il sistema Battelle con poche decine di neuroni dopo essersi allenato ad usare il sistema. “Il nostro cervello ha 98 miliardi di neuroni, la corteccia motoria ha 1,2 miliardi responsabili di movimenti delle mani o degli arti. Stiamo registrando da meno di 100“, afferma Gaurav Sharma, ricercatore senior di Battelle.

Fino ad oggi, la maggior parte degli usi dei sistemi invasivi è stata mirata ad aiutare le persone con paralisi a spostare di nuovo gli arti; i maggiori rischi dei sistemi invasivi possono valere la pena per loro.

Pertanto, per le applicazioni di fascia consumer, è probabile che il futuro a breve e medio termine dei BCI non sia invasivo.

Mentre i sistemi non invasivi potrebbero non corrispondere alla precisione delle loro controparti invasive, ci sono nuove strade tecnologiche che potrebbero aiutare i ricercatori a far salire di livello i sistemi non invasivi. Ad esempio, i progressi nell’apprendimento automatico stanno aiutando gli scienziati a separare meglio i segnali dal rumore, il che significa che l’accuratezza dei sistemi non invasivi aumenterà solo in futuro.

Oltre ai miglioramenti del software, i sistemi BCI stanno iniziando a utilizzare altri tipi di scansione: l‘ecografia focalizzata e la stimolazione transcranica a corrente continua, ad esempio, potrebbero offrire un nuovo modo di leggere i segnali cerebrali.

Altri ritengono che le tecnologie non invasive esistenti possano offrire le stesse capacità di lettura del cervello dei sistemi invasivi, almeno per quanto riguarda il controllo motorio.

laboratori CTRL di New York, ad esempio, utilizzano l’EMG (elettromiografia), che legge l’attività elettrica nei muscoli scheletrici e viene utilizzato dai neurologi per rilevare le prestazioni nervose degli arti e altrove. CTRL Labs produce cinturini da polso che misurano gli impulsi elettrici, noti come potenzia l’azione, nei neuroni all’interno dei muscoli e li modella in software. Quando muovi la mano, il sistema CTRL Labs lo traduce come movimento della mano, includendone direzione, forza e tipo. È stato acquisito da Facebook all’inizio di questo mese.

Riteniamo che se ciò che ti interessa fare è il controllo, puoi ottenere tutto il segnale che desideri e ottenerlo più facilmente con mezzi non invasivi“, ha detto a ZDNet all’inizio di questo mese Adam Berenzweig, responsabile R&D di CTRL Labs.

Il segnale che desideri è disponibile su EMG di superficie se lo fai abbastanza bene, e più di questo, il segnale è più facile da ottenere perché nella corteccia, tutti i miliardi di neuroni nel cervello interferiscono e sono rumore“, afferma Berenzweig . Quindi, se tutto ciò che ti interessa è raccogliere segnali di movimento dal cervello, nella maggior parte delle persone, i sistemi non invasivi potrebbero comunque fare il trucco.

Mentre i sistemi invasivi continueranno ad essere utilizzati da coloro che hanno il maggior guadagno dai BCI, come le persone con lesioni spinali o condizioni neurologiche come il morbo di Parkinson, è probabile che un più ampio assorbimento tra i consumatori si concentri su sistemi non invasivi.

Poiché la lettura dei segnali dal cervello attraverso il cuoio capelluto richiede un contatto diretto tra la pelle e gli elettrodi, rende improbabile e altamente evidente la lettura indesiderata dei pensieri di qualcuno alla fonte – ti aspetteresti che la maggior parte delle persone si accorga che uno sconosciuto ti tocca inaspettatamente la testa, soprattutto con un set di elettrodi. La lettura della mente alla fonte sarebbe troppo facile da rilevare.

Detto questo, una volta che i dati vengono raccolti da BCI e trasmessi ad altri software, è sicuro come qualsiasi altra serie di informazioni. Sulla scia di molte, molte violazioni dei dati è chiaro che non ci sono garanzie che le informazioni sensibili siano meglio protette di altri tipi di dati.

Scoprire che le tue informazioni hanno avuto accesso a una violazione dei dati non è mai piacevole, e che qualcuno avrebbe potuto sfogliare i tuoi schemi di pensiero o stati emotivi? Non sopporto il pensarci.

Jo Best 

*****

3,161 Visite totali, 2 visite odierne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.