Crea sito

Non solo la Terra dei fuochi, tutta l’Italia è avvelenata

Siamo il primo paese europeo per morti premature da biossido di azoto e il secondo per quelle da polveri sottili. È un problema enorme e la politica ne parla il meno possibile

Nelle ultime settimane, l’attenzione è tornata a concentrarsi sulla decennale emergenza della Terra dei fuochi: l’area che si estende tra la provincia di Napoli e quella di Caserta costantemente alle prese con i roghi delle discariche abusive (e in cui sono stati sotterrati milioni di tonnellate di rifiuti tossici). Una situazione estrema, sulla quale si cerca di intervenire anche utilizzando droni e telecamere per la sorveglianza; nel tentativo quasi disperato di monitorare una zona ormai diventata simbolo stesso dell’inquinamento ambientale con cui la Camorra fa affari.

Un simbolo che rischia però di farci dimenticare il dato più importante: tutta l’Italia è avvelenata da scorie tossiche. Secondo i dati dell’Ispra (Istituto per la protezione ambientale) – ripresi da Milena Gabanelli nella sua ultima Data Room per il Corriere della Sera – sono 12.482 i siti potenzialmente inquinati in tutto il Paese. E a differenza di quanto si potrebbe pensare, non sono affatto concentrati al sud, anzi: di questi, 3.733 si trovano nella sola Lombardia; più di mille nel Lazio, quasi 800 in Piemonte, 449 in Veneto.

Di questi oltre 12mila siti contaminati, 58 sono considerati talmente pericolosi da “comportare un elevato rischio sanitario”. Che cosa si fa per affrontare il problema? Si stanziano soldi per le bonifiche. La somma totale dei finanziamenti ha superato i 3 miliardi di euro; una montagna di denaro a cui però non ha fatto seguito un altrettanto imponente opera di bonifica dei 58 siti di interesse nazionale.

Al contrario: la Commissione Parlamentare di inchiesta ha certificato una “estrema lentezza, se non stasi”.

In Veneto si è arrivato al 15% di terreni bonificati; in Campania si è fermi al 6%. Va molto peggio, sempre in Campania, nell’area di Bagnoli: 242 ettari di superficie potenzialmente inquinata da metalli, ipa fenoli, amianto in cui non sono mai cominciati i lavori di bonifica. Lo stesso avviene nei siti contaminati siciliani di Priolo (Siracusa), Biancavilla (Catania), Gela (Caltanissetta) e nelle aree a rischio di Trento, Caffaro di Troviscosa (Friuli), Orbetello e Livorno (Toscana) e molti altri ancora.

Non se la passa per niente meglio la Lombardia: sono cinque le aree contaminate da metalli pesanti, idrocarburi e PCB inserite tra le priorità di bonifica. Ma perché, considerati i tanti soldi stanziati, non si riesce a procedere nelle necessarie e urgenti bonifiche? In Sardegna, per esempio, si segnala come la “complessità delle opere” e “l’aggiornamento della normativa sugli appalti” faccia sì che i lavori si arrestino di fatto alla fase di progettazione. In molti casi, quindi, si tratta di questioni burocratiche; a cui si aggiunge il rischio, già verificatosi in passato, di infiltrazioni criminali negli appalti.

La vicenda della bonifica dell’area ex Sisas di Pioltello-Rodano (hinterland milanese) racconta in maniera impietosa come e perché le bonifiche si bloccano. Assegnazioni dirette dei lavori affidate a cordate che non riescono a portare a termine l’incarico, multe dall’Europa per i ritardi, nuovi progetti dal percorso accidentato che provocano ulteriori ritardi. Risultato? Ci sono voluti 32 anni perché iniziassero davvero i lavori per smaltire 350mila tonnellate di scorie e rifiuti industriali e pericolosi disseminati lungo 775mila metri quadrati di terreno.

I tempi lunghissimi, ovviamente, non fanno che mettere ulteriormente a rischio la nostra salute: secondo l’Istituto Superiore di Sanità, i 6 milioni di italiani che vivono nei 45 siti più contaminati d’Italia hanno un rischio mortalità del 4-5% superiore al resto della popolazione. Chi ha meno di 25 anni, rischia di contrarre tumori maligni con il 9% di probabilità in più.

E pensare che le bonifiche potrebbero essere un affare per lo stato, in un’ottica di investimenti pubblici in grado di produrre un ritorno in termini economici e occupazionali: Confindustria stima in 10 miliardi gli investimenti necessari, in grado di creare 200.000 posti di lavoro. Che la cifra sia uguale a quella stanziata per il reddito di cittadinanza fa riflettere sulle priorità di una classe politica che – come nel caso della messa in sicurezza del territorio – sembra aver rinunciato agli investimenti di lungo respiro.

Ma la situazione gravissima dei siti avvelenati si va ad aggiungere all’aria che respiriamo quotidianamente; già di suo carica di veleni. In Europa, 3,9 milioni le persone vivono in aree dove l’inquinamento supera i limiti, in termini di polveri sottili, biossido di azoto e ozono. Il dato più sconvolgente è però un altro: di questi 3,9 milioni, il 95% vive nel nord Italia (3,7 milioni). L’inquinamento in Italia – e in particolar modo in Pianura Padana, tra le zone più velenose di tutta Europa – non è certo una novità; ma l’ultimo report dell’Agenzia europea per l’ambiente ne dà ulteriore conferma, sottolineando come l’Italia sia al primo posto in Europa per le morti premature causate da biossido di azoto (20.500 ogni anno) e ozono (3.200); mentre è al secondo posto per quelle causate da polveri sottili pm2.5 (60.600).

In Pianura Padana (20 milioni di abitanti), la situazione è resa critica dai livelli elevatissimi di ossido di azoto, prodotto principalmente dai motori diesel. Nel complesso, il nostro paese fa comunque parte del ristretto e non invidiabile club dei paesi in cui si respira l’aria peggiore: si calcola che addirittura il 98% dei bambini sia esposto a livelli eccessivi di polveri sottili. Di fronte a tutto questo, c’è una sola cosa che stupisce ancora di più: il silenzio da parte della politica.

[https://www.wired.it]

 

1,422 Visite totali, 4 visite odierne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.