LASCIAPASSARE NAZISTA!

GREEN PASS: LASCIAPASSARE NAZISTA!

 

La storia insegna ma non ha scolari: per questo motivo la società di massa è condannata a riviverla. Alla voce: transumanesimo eugenetico.

http://sulatestagiannilannes.blogspot.com/2021/09/green-pass-lasciapasssare-nazista.html

La Propiska

Confesso che questo termine l’ho scoperto per la prima volta anch’io di recente. La Propiska è un nome russo dato ai passaporti interni, ai salvacondotti, quelli in uso per spostarsi anche in località limitrofe. L’ho letto in uno degli ultimi articoli del filosofo Giorgio Agamben:

https://www.sollevazione.it/2021/08/la-vera-posta-in-palio-di-giorgio-agamben.html

da dove estraggo questa frase :

“Nel nostro documento avevamo evocato l’analogia con la “propiska”, cioè col passaporto che i cittadini dell’Unione sovietica dovevano esibire per spostarsi da una località all’altra. È questa l’occasione di precisare, visto che purtroppo sembra necessario, che cos’ è un’analogia giuridico-politica”.

Incuriosita, incomincio a fare ricerche, notando con disappunto che mentre si trovano grandi spiegazioni in francese e in inglese, da noi “la Propiska” viene liquidata con quattro parole. Un po’ di storia, pertanto, ci aiuterà a rinfrescarci le idee. Anche perché  è   facile prendere idee vecchie, stantie e dispotiche, autoritarie e tiranniche  e metterci in bel nome in inglese come green pass.
Vediamo wikipédia in versione francese:

Les titulaires de la propiska (propissany) obligeaient tout citoyen à justifier son déplacement (voyage d’affaires, vacances, déménagement) et indiquer son lieu de résidence permanent ou temporaire à la police dans les trois jours3.

À Moscou, la loi municipale n’autorisait l’enregistrement des « étrangers » dans la capitale que dans une série de cas limités. Le lieu de résidence ne dépendait pas des préférences individuelles mais de raisons définies arbitrairement par les pouvoirs publics : achat d’un appartement, emploi de prestige, logement par la famille. Le propissany pouvait dès lors faire enregistrer ses « proches » : son conjoint, ses enfants mineurs et ses parents inaptes au travail. La seule condition était que le logement réponde aux normes de surface par habitant. De plus, la mairie percevait une « taxe ».

La propiska permettait au citoyen qui en était détenteur de pouvoir par exemple se marier dans la ville où il résidait, d’y passer son permis de conduire ou d’y obtenir un passeport pour voyager. La non présentation de ce document pouvait permettre aux autorités d’un aéroport de refuser l’embarquement de la personne ou à un hôtel de refuser de lui louer une chambre. Outre les actes civiques les plus ordinaires, le propissany avait accès à l’enseignement public et aux services médicaux gratuits ou subventionnés.

Più lunga e dettagliata la versione in inglese.

Nell’Impero russo, una persona che arrivava per una nuova residenza era obbligata (a seconda della proprietà) ad iscriversi nei registri delle autorità di polizia locali. Quest’ultimo potrebbe negare alle persone indesiderabili il diritto di stabilirsi (in questo caso, non sono stati apposti timbri sui passaporti). Nella maggior parte dei casi, ciò significherebbe che la persona doveva tornare al domicilio permanente. Il verbo “propisat” era usato come verbo transitivo con “vid” come oggetto diretto. Dopo la reintroduzione del sistema del passaporto in Unione Sovietica negli anni ’30, il nome propiska fu anche associato al risultato della registrazione della residenza. Nel linguaggio comune, il timbro sul passaporto in cui era scritto l’indirizzo di residenza era chiamato anche “propiska”. Propiska permanente (russo: “постоя́нная пропи́ска” ) ha confermato i diritti di alloggio del suo proprietario. La propiska temporanea (in russo: “вре́менная пропи́ска” ) potrebbe essere fornita insieme a quella permanente quando un residente doveva vivere fuori dalla residenza permanente per un lungo periodo di tempo. Come esempio, nei loro dormitori, appartamenti o ostelli.

Quando fu reintrodotto negli anni ’30, il sistema dei passaporti in URSS era simile a quello dell’Impero russo, dove i passaporti erano richiesti principalmente nelle città più grandi e nei territori adiacenti ai confini esterni del paese. Ufficiali e soldati avevano sempre documenti di identità speciali, mentre i contadini potevano ottenere passaporti interni solo con un’applicazione speciale.

In URSS, il termine “permesso di soggiorno” (russo: Вид на жи́тельство , romanizzato: vid na zhitelstvo ) era usato come sinonimo di propiska temporanea , in particolare per quanto riguarda i cittadini stranieri. Entro la fine degli anni ’80, quando gli emigrati dall’URSS potevano tornare, anche coloro che avevano perso la cittadinanza sovietica potevano richiedere un documento di identità con questo titolo.

La “propiska” del cittadino dell’URSS ha raggiunto la sua portata onnicomprensiva solo negli anni ’70. Negli anni ’70, il diritto (e l’obbligo) di ogni adulto (dai 16 anni) ad avere un passaporto ha promosso la propiska come leva primaria della regolamentazione della migrazione. D’altra parte, la propiska ha sottolineato il meccanismo dell’obbligo costituzionale dello stato di fornire a tutti un’abitazione: nessuno può rifiutare o essere privato della propiska in un luogo senza sostituzione con un altro luogo permanente di propiska .

A tutti i datori di lavoro era severamente vietato dare lavoro a qualcuno senza una “propiska” locale. Per procurarsi una forza lavoro in più, le imprese più grandi dovevano prima costruire alloggi per i loro lavoratori. Oltre ai dormitori, alcuni di loro hanno anche costruito condomini convenzionali per il reinsediamento individuale.
La registrazione in questi appartamenti era chiamata permesso di soggiorno “per motivi di lavoro” (in russo: “ве́домственная” o “служе́бная” пропи́ска , romanizzato: “vedomstvennaya” o “sluzhebnaya” propiska ).Salto alcuni paragrafi che potete voi stessi leggere e arrivo al paragrafo

Norme sanitarie:

I coniugi potevano sempre fornirsi reciprocamente una propiska permanente, ma per questo era richiesto un consenso esplicito. Ai bambini veniva concessa una propiska permanente in uno dei luoghi  permanenti dei genitori, e questa non poteva essere interrotta durante la vita del bambino nemmeno da adulto (con l’eccezione di una seconda sentenza penale).

Per taluni casi, come anche per eventuali persone non imparentate, veniva utilizzata la cosiddetta “norma sanitaria”: non sarebbe stata emessa una propiska se la superficie dell’appartamento fosse scesa al di sotto dei 12 m 2 (130 piedi quadrati) per persona. Inoltre, il numero di stanze nell’appartamento era importante: due persone di sesso diverso, una o entrambe di età pari o superiore a 9 anni, non potevano condividere la stessa stanza. Se la nuova “propiska” del nuovo abitante violasse questa regola, la propiska non sarebbe concessa (i coniugi sono un’eccezione). Questo era ufficialmente inteso per prevenire il malsano sovraffollamento degli appartamenti e gli abusi sessuali, ma poiché la maggior parte dei sovietici aveva solo poco più di 9 m 2 (97 piedi quadrati) a persona, era anche un metodo efficace di controllo della migrazione.

Le norme di cui sopra erano molto simili alle norme per entrare nella “lista immobiliare” governativa (non dipendente da un particolare datore di lavoro), che era un’altra forma di mutuo sovietico (di nuovo con denaro reale sostituito da anni di lavoro sul posto di lavoro – la coda era gratuito in termini di denaro). La differenza principale era che per ottenere l’ammissione all’elenco degli alloggi lo spazio abitativo  doveva scendere al di sotto dei 9 m 2 (97 piedi quadrati) richiesti per persona in un appartamento esistente. L’assegnazione degli alloggi era molto lenta (molto più lenta di quello dei datori di lavoro) e a volte ci voleva l’intera vita di una persona per ottenere un appartamento.

Come risultato di quanto sopra, praticamente l’unico modo per una persona di migliorare legalmente le proprie condizioni di vita era il matrimonio o il parto. Questo è stato anche un serio motore di migrazione dei giovani verso le ” monocity “, le nuove città costruite ex novo, spesso in Siberia o nell’Artico, alcune intorno a un’unica struttura (fabbrica, regione petrolifera, o simili).

La Milizia politica in Urss controlla la Propiska
Se siete arrivati fino a qui, capirete come in quattro e quattr’otto ci abbiano riportato indietro nei secoli con il placet di tutte le forze politiche (maggioranza e oppofinzione).  A proposito di quest’ultima, stasera ho udito allibita la strenua difesa d’ufficio  del lasciapassare verde di Fedriga, governatore della regione Friuli-Venezia Giulia. Basta cambiare logo, colore, marchio e nome ed …oplà! eccoci serviti! Conte fece una propiska cartacea (le famigerate autocertificazioni da scaricare noi stessi al computer e da mostrare alla polizia e carabinieri piazzati un po’ dappertutto) , Draghi, invece una propiska elettronica che si va facendo ogni giorno più pervasiva, minacciosa e limitante.
Ora senza la propiska verde, non si entra a scuola, non si accompagnano i figli all’asilo, non si entra al pronto soccorso in un Ospedale, non si va in visita  in casa di riposo per anziani, non si lavora, non si fa sport, non si va alle cerimonie, nulla di nulla!
Scusate, ma nel 1989  non era caduto il Muro di Berlino? Può darsi, ma da quando c’è il virus nel 2020 il Muro sembra essere  stato riedificato. Mattone su mattone. Propiska su Propiska.
Un ultimo dettaglio. La Propiska venne instaurata dagli Zar, ma  Lenin e i suoi che si definivano i “tecnici” della Duma (guarda caso!) promisero di eliminarla non appena i fuochi della rivoluzione d’Ottobre avrebbero incendiato la Russia. A suo dire,  i bolscevichi “chiedono completa libertà di movimento e commercio per le persone e di distruggere i passaporti”…
Menzogne, ovviamente! Una volta andati al potere i loro sistemi di propiske divennero sempre più capillari, tentacolari, occhiute e odiose, al punto da far rimpiangere quelle degli  stessi Zar.
Con Stalin la  Propiska divenne addirittura uno strumento di controllo demografico. E non solo. Nel 1932,  sempre sotto Stalin, il sistema del passaporto fu reintrodotto, con la propiska come una caratteristica importante che consentiva a un cittadino di accedere ai servizi statali, inclusa l’assistenza medica, nel luogo di residenza.  Una specie di sistema di credito sociale come quello attualmente in uso in Cina, che va per monitoraggio, valutazione e punteggio di ogni singolo cittadino, uno screening che prende in esame amicizie, conoscenze e pure frequentazioni on line. di ciascun individuo.
A  tutti quelli che “è tutta colpa del neoliberismo” e del solito del capitalismo, raccomando queste letture per chiarirsi  ulteriormente le idee. Del resto  non va dimenticato che è lo stesso Klaus Schwab del forum di Davos 2020,  ad aver più volte  affermato che senza il marxismo non si può costruire il Nuovo Ordine Mondiale.
Ovvero con i cascami della fu guerra fredda.  Il nuovo muro planetario, quello del NWO  accelerato dalla “pandemia”, non s’ha da costruire e i popoli devono ribellarsi ad ogni costo. Perciò, sveglia!
Esaltazione della Croce
https://sauraplesio.blogspot.com/2021/09/la-propiska.html

1,803 Visite totali, 8 visite odierne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.