Crea sito

Il “respiro” del sole

 

UN’ANOMALIA MAGNETICA GLOBALE:

Ultimamente, il campo magnetico terrestre è stato calmo. Molto tranquilla. Il sole è ai box di quello che potrebbe rivelarsi il minimo solare più profondo in un secolo. Le tempeste geomagnetiche non stanno accadendo.

“Questo è il motivo per cui sono stato così sorpreso il 23 giugno quando i miei strumenti hanno rilevato un’anomalia magnetica”, riferisce Stuart Green, che gestisce un magnetometro da ricerca nel suo cortile di Preston, nel Regno Unito. “Per più di 30 minuti, il campo magnetico locale ha oscillato come un’onda sinusoidale.”

Green ha verificato rapidamente i dati del vento solare dal satellite DSCOVR di NOAA. “Non c’è stato nulla – nessun aumento nella velocità del vento solare o altri fattori che potrebbero spiegare il disturbo”, dice.

Non era il solo ad averlo notato. Nelle isole Lofoten della Norvegia, Rob Stammes ha rilevato un’anomalia simile sul suo magnetometro. “È stato straordinario”, afferma Stammes. “Il nostro campo magnetico oscillava avanti e indietro di circa 1/3 di grado. Ho anche rilevato correnti a terra con lo stesso periodo di 10 minuti. ”

 

Quello che è successo? I fisici dello spazio chiamano questo fenomeno “pulsazione continua” o “Pc” in breve. Immagina di soffiare su un pezzo di carta, facendolo svolazzare con il respiro. Il vento solare può avere un effetto simile sui campi magnetici

. Le onde del PC sono essenzialmente svolazzanti che si propagano lungo i fianchi della magnetosfera terrestre eccitati dal respiro del sole. Durante le fasi più attive del ciclo solare, questi flutter si perdono facilmente nel rumore di una sconnessa attività geomagnetica. Ma durante l’estrema quiete del minimo solare, tali onde possono farsi “sentire” come uno spillo che cade in una stanza silenziosa.
Il campo magnetico terrestre è stato così silenzioso il 23 giugno, l’ondulazione è stata ascoltata in tutto il mondo. La rete globale di osservatori magnetici di INTERMAGNET ha raccolto contemporaneamente attività ondulatoria dalle Hawaii alla Cina fino al circolo polare artico. C’è anche un accenno in Antartide (nota la base di Scott nella trama, sopra).

Le onde PC sono classificate in 5 tipi a seconda del loro periodo. L’ondata di 10 minuti del 23 giugno rientra nella categoria Pc5. Le onde lente del Pc5 sono state collegate a una perdita di particelle dalle fasce di radiazione di Van Allen. Gli elettroni energetici navigano queste onde nell’atmosfera terrestre, dove si dissipano in modo innocuo.

Con il minimo solare in pieno svolgimento, non c’è mai stato un momento migliore per studiare queste onde. Stai zitto … e resta sintonizzato per altro.

https://www.spaceweather.com/

2,122 Visite totali, 2 visite odierne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.